Scudetti: festa per Bolzano e Brescia!

18 Settembre 2022

Gli uomini dell’Athletic Club 96 Alperia tornano a vincere il tricolore, successo casalingo e quarto titolo di fila per le donne dell’Atletica Brescia 1950 Metallurgica San Marco. Bruni 4,50, Fabbri 20,91

 

di Nazareno Orlandi

Bolzano e Brescia, ecco i campioni d’Italia! La mattinata decisiva della Finale Oro ha emesso i verdetti tricolori dei Campionati di Società Assoluti. Lo scudetto maschile torna sulle maglie dell’Athletic Club 96 Alperia Bolzano, già al trionfo nel 2019 e nel 2020. Il titolo femminile è invece il quarto consecutivo per l’Atletica Brescia 1950 Metallurgica San Marco, imbattuta dal 2019 e stavolta in festa in casa propria, nello stadio intitolato a Gabre Gabric. La finale di Brescia, con un’ultima giornata che ha offerto il 4,50 di Roberta Bruni nell’asta e il 20,91 di Leonardo Fabbri nel peso, ha decretato il successo del club altoatesino del presidente Bruno Telchini: il quattrocentista Brayan Lopez ne è l’uomo-simbolo con la vittoria di sabato nella sua specialità e con il bis come ultimo frazionista della staffetta 4x400. Bolzano ha totalizzato 187,5 punti, dieci e mezzo in più dei campioni uscenti dell’Enterprise Sport&Service (177) che fino all’ultima delle venti gare hanno provato a confermare il titolo. Terza piazza per l’Atletica Biotekna (150). Al femminile, le “leonesse” del presidente Sebastiano Di Pasquale e del direttore tecnico Stefano Martinelli allungano la striscia di scudetti grazie a un gruppo compatto che ha trovato la migliore espressione nelle vittorie individuali del sabato di Gloria Hooper (100), Alice Mangione (400) e Rebecca Mihalescul (alto). Brescia in vetta alla classifica con 184 punti, in un podio tutto lombardo che presenta Bracco Atletica (162,5) al secondo posto e Cus Pro Patria Milano (141) al terzo. A premiare Athletic Club 96 Alperia e Atletica Brescia 1950 Metallurgica San Marco è stato il presidente della FIDAL Stefano Mei, insieme alla consigliera nazionale Elisabetta Artuso: “Mi congratulo con le società vincitrici, che hanno saputo dimostrare capacità, passione e spirito di squadra - le parole del presidente federale - Ma in generale il mio plauso va a tutti i club che hanno partecipato alle quattro finali nazionali e alle società che hanno organizzato i quattro eventi. Nei volti di tutti gli atleti che hanno gareggiato ho visto la volontà di portare punti al proprio team e di contribuire al risultato complessivo, che in questo contesto è ancora più importante della prestazione individuale. È grazie all’impegno delle società, alla loro presenza costante, alla dedizione e alla professionalità di dirigenti e tecnici, che il nostro movimento continua a crescere e raggiungere traguardi di prestigio”. 

RISULTATI - BRESCIA - PERUGIA - PALERMO - SARONNO

FOTOGALLERY (Grana/FIDAL) - LA CRONACA DELLA PRIMA GIORNATA

CLASSIFICHE - Finale Oro
Uomini:
1. Athletic Club 96 Alperia 187,5; 2. Enterprise Sport&Service 177; 3. Atl. Biotekna 150; 4. Atl. Firenze Marathon 149; 5. Atl. Studentesca Rieti Andrea Milardi 136; 6. Avis Barletta 135; 7. La Fratellanza 1874 Modena 133,5; 8. Cus Pro Patria Milano 130,5; 9. Atl. Lecco Colombo Costruzioni 122,5; 10. Quercia Trentingrana 121; 11. Atl. Bergamo 1959 Oriocenter 115; 12. Atl. Virtus Lucca 113; 13. Cus Parma 107.
Donne: 1. Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco 184; 2. Bracco Atletica 162,5; 3. Cus Pro Patria Milano 141; 4. Assindustria Sport 126,5; 5. Cus Parma 119; 6. Atl. Brugnera Friulintagli 119; 7. Atl. Studentesca Rieti Andrea Milardi 119; 8. Atl. Firenze Marathon 113; 9. Atl. Riviera del Brenta 111,5; 10. Battaglio Cus Torino 108; 11. Acsi Italia 104,5; 12. La Fratellanza 1874 Modena 104.

SINTESI SU RAISPORT+HD - Una sintesi della Finale Oro di Brescia andrà in onda martedì 20 (prima giornata) e mercoledì 21 (seconda giornata) su RaiSport+HD dalle 19.30 alle 20.30.

BRUNI DA APPLAUSI - E chi la ferma? Il legame con la sua società d’origine, la Studentesca intitolata al suo mentore Andrea Milardi, è troppo viscerale per non contribuire alla causa del club reatino. E così, rimossi soltanto martedì i due punti di sutura alla mano destra, ferita nella finale della Diamond League di Zurigo, Roberta Bruni non si sottrae all’ultima gara dell’anno, al debutto da capitana del suo team: a Brescia le basta un solo tentativo per centrare 4,50, dopo aver risolto alla prima prova le questioni 4,15 e 4,25, e alla seconda 4,35. ”Questa stagione mi ha dimostrato che posso competere a livello internazionale, finalmente ne ho la consapevolezza - commenta la primatista italiana dell’asta - adesso bisogna fare quello step in più per trovare le misure che contano quando si indossa la maglia azzurra, come dice sempre capitan Gimbo Tamberi”.

FABBRI VS PONZIO - Leo batte Nick. Fabbri (Atl. Firenze Marathon) si aggiudica il derby azzurro con Ponzio (Athletic Club 96 Alperia) nella sfida più attesa dell’intero weekend. Non finisce distante dai ventuno metri il peso scagliato da Fabbri: 20,91 per terminare una stagione che è andata in crescendo nelle ultime settimane, con il tanto atteso ritorno oltre i 21 a Padova (21,16 due domeniche fa). Per Ponzio, invece, era la trentottesima gara di un 2022 interminabile: il quarto classificato degli Europei di Monaco è secondo con 20,70. Terzo Sebastiano Bianchetti (Studentesca Rieti Milardi, 17,62). 

IN PISTA - Fa il vuoto Ayomide Folorunso (Cus Parma): la primatista italiana dei 400hs non ha problemi a prendersi la prima piazza con 56.83. Per lei una tripla fatica nel weekend, considerati anche i quattrocento di sabato (seconda) e la staffetta, alla fine di una stagione pienissima di impegni, a riprova dell’affetto per la società che l’ha vista sbocciare. Detta legge José Bencosme (Avis Barletta) nella gara maschile dei 400hs: 51.30 per la vittoria davanti ad Alberto Montanari (La Fratellanza 1874 Modena, 51.87). Cubani i 200 metri: Arnaldo Romero riempie di punti l’Enterprise Sport&Service con 21.12 (+1.1), quarto Edoardo Scotti (Cus Parma, 21.65) nell’unico duecento dell’anno. Tra le donne, è Giorgia Bellinazzi (Atl. Brugnera Friulintagli) la più veloce nei 200 con 24.21 (+2.0), nel testa a testa con Chiara Melon (Atl. Brescia 1950 Metallurgica San Marco, 24.26). Il rientro nei 5000 è vincente per Anna Arnaudo (Battaglio Cus Torino) dopo la rinuncia agli Europei di Monaco: l’azzurra scappa via a metà gara e guadagna il massimo della posta in palio con 16:12.56. Dopo i 1500 di sabato, il burundese della Quercia Trentingrana Egide Ntakarutimana completa la doppietta conquistando anche i 5000 (14:03.06) nel duello con il tunisino Mohamed Jhinaoui (Athletic Club 96 Alperia, 14:04.16). Negli 800 la spunta Zohair Hadar (Avis Barletta, 1:50.02) su Giovanni Filippi (La Fratellanza 1874 Modena, 1:50.61), nel doppio giro al femminile Serena Troiani (Cus Pro Patria Milano, 2:07.39) si impone in rimonta su Irene Vian (Atl. Riviera del Brenta, 2:07.90). Nelle staffette 4x400 conclusive, affermazioni per gli uomini dell’Athletic Club 96 Alperia (Michele Tricca, Abdessalam Machmach, Ebrima Bojang, Brayan Lopez, 3:13.32) e le donne della Bracco Atletica (Alessandra Iezzi, Martina Canazza, Alessandra Bonora, Giancarla Trevisan, 3:38.47), in lotta con le campionesse d’Italia di Brescia (Alexandra Almici, Silvia Meletto, Anna Polinari, Alice Mangione, 3:39.77). 

IN PEDANA - Per la triplista Dariya Derkach, nel lungo, è il miglior salto dal 2015: la portacolori dell’Acsi Italia atterra a 6,37 (+0.7) al quinto turno e firma il bis all’indomani del sigillo nella sua specialità classica. Nel lungo maschile Antonino Trio (Athletic Club 96 Alperia) primeggia con 7,47 (+0.2). L’alto è dell’estone Karl Lumi (Enterprise Sport&Service) con 2,14. Ancora una buona prova per la primatista italiana juniores Benedetta Benedetti (Studentesca Rieti Milardi) a segno nel disco con 52,96, successI anche per il martellista Simone Falloni (Studentesca Rieti Milardi) con 65,70 e per la giavellottista Pascaline Adanhoegbe (Cus Pro Patria Milano, 53,17), scalzando all’ultimo lancio Federica Botter (Atl. Brugnera Friulintagli, 52,80).

LE ALTRE FINALI - Il risultato tecnico di maggior spessore arriva da Palermo: è il 61,05 di Daisy Osakue (Sisport) nel disco. A Perugia un’altra vittoria per il bronzo europeo Osama Zoghlami (Cus Palermo): i 5000 metri (15:07.41 in gara tattica) dopo i 3000 siepi di ieri.

Finale Argento (Perugia)
Uomini
: 1. Pro Sesto Atl. 141; 2. Cus Palermo 138; 3. Atl. Brugnera Friulintagli 138; 4. Milone Siracusa 133; 5. Assindustria Sport 128,5; 6. Trieste Atletica 125; 7. Atl. Livorno 121,5; 8. Arca Atl. Aversa Agro Aversano 114,5; 9. Trevisatletica 93,5; 10. Atl. Futura Roma 92; 11. Atl. Imola Sacmi Avis 56.
Donne: 1. Atl. Cascina 162; 2. Quercia Trentingrana 143,5; 3. Atl. Libertas Unicusano Livorno 143; 4. Atl. Arcs Cus Perugia 142,5; 5. Running Club Napoli 137; 6. Atl. Bergamo 1959 Oriocenter 137; 7. Atl. Livorno 124,5; 8. Pro Sesto Atl. 121; 9. Alteratletica Locorotondo 106; 10. Cus Trieste 103; 11. Atletica 2005 101,5; 12. Cus Cagliari 97.

Finale Bronzo (Palermo)
Uomini:
1. Atl. Libertas Unicusano Livorno 168,5; 2. Nissolino Sport 151,5; 3. Atl. Aden Exprivia Molfetta 147; 4. Atl. Malignani Libertas 140,5; 5. Atl. Insieme Verona 129; 6. Sef Emilsider Virtus 129; 7. Toscana Atl. Futura 119; 8. Cus Insubria Varese Como 118; 9. Varese Atletica 116; 10. Atl. Libertas Orvieto 109.5; 11. Atl. Cento Torri Pavia 102; 12. Team Treviso 91. 
Donne: 1. Cus Catania 155,5; 2. Self Atl. Montanari Gruzza 154; 3. Atl. Lecco Colombo Costruzioni 143; 4. Toscana Atl. Empoli Nissan 138,5; 5. Nissolino Sport 131; 6. Atl. Avis Macerata 125,5; 7. Arca Atl. Aversa Agro Aversano 123; 8. Sisport 121; 9. N. Atl. Varese 117; 10. Team Atletica Marche 109,5; 11. Atl. Lugo 105; 12. Atl. Malignani Libertas 100.

Finale B (Saronno)
Uomini:
1. Osa Saronno Libertas 154,5; 2. Battaglio Cus Torino 138; 3. Elite Academy Bari 132; 4. Acsi Campidoglio Palatino 125; 5. Self Atl. Montanari Gruzza 124; 6. Atl. Arcobaleno Savona 124; 7. Atl. Avis Macerata 122; 8. Team-A Lombardia 114,5; 9. Cus Genova 111; 10. New Atletica Afragola 109; 11. Siracusatletica 108; 12. Cus Sassari 89.
Donne: 1. Team-A Lombardia 146; 2. Atl. Virtus Lucca 142; 3. Trevisatletica 142; 4. Cus Palermo 137,5; 5. Team Treviso 135; 6. Cus Genova 117,5; 7. Atl. Arcobaleno Savona 110; 8. Francesco Francia 107; 9. Uisp Atl. Siena 103,5; 10. Acsi Campidoglio Palatino 103; 11. Atl. Alba Docilia 102,5; 12. Atl. Vigevano 96.

SEGUICI SU: Instagram @atleticaitaliana | Twitter @atleticaitalia | Facebook www.facebook.com/fidal.it  



Condividi con
Seguici su:

Pagine correlate